Exoticis linguis. Libri ebraici e orientali della Biblioteca Palatina di Parma

© Biblioteca Palatina Parma

L’iniziativa è promossa dalla Biblioteca Palatina di Parma, dal Museo Bodoniano, dalla MUP Editore , dall’”Associazione “Amici della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano”  e sostenuta da Fondazione Monte di Parma e CePIM- Interporto di Parma. La mostra presenta al pubblico, per la prima volta in modo organico, opere rare e preziose custodite nella Biblioteca Palatina di Parma e provenienti dalla straordinaria collezione di manoscritti e libri a stampa ebraici e orientali. Nella Biblioteca Palatina si trova infatti una tra le collezioni più ricche al mondo di fondi orientali, il cui nucleo originario è opera del primo bibliotecario Paolo Maria Paciaudi.  Nel 1816 la Duchessa di Parma Maria Luigia, acquistò l’importante e straordinaria  raccolta personale di Gian Bernardo De Rossi, studioso di lingua ebraica, docente prima, e preside poi, della Facoltà teologica dell’Università di Parma. Tale raccolta costituisce una delle più ricche collezioni di manoscritti ebraici medievali e contiene, nell’ eccezionale raccolta di stampati, la più antica edizione con data certa in caratteri ebraici.
Il fondo orientale ed ebraico della Biblioteca Palatina, nato per volontà dei primi due importanti bibliotecari, è stato arricchito ulteriormente nel corso dell’800 e del ‘900.
Il percorso espositivo viene articolato in tre sezioni:
-    la prima sezione presenterà alcuni manoscritti e volumi a stampa ebraici,
-    la seconda sezione quelli in altre lingue orientali, in parte restaurati dallo Studio Crisostomi di Roma.
-    la terza sezione è dedicata alle edizioni “poliglotte” del grande tipografo Giambattista Bodoni per le quali incise i punzoni e le matrici e fuse i caratteri con la consulenza scientifica di Gian Bernardo De Rossi .
La mostra merita sicuramente una visita per la straordinaria bellezza e rarità dei codici e dei libri esposti !
Un sentito ringraziamento va a  Nice Ugolotti Serventi, al Direttore della Biblioteca Andrea De Pasquale, a Lauretta Campanini, a Sandra Martani,  alla MUP Editore e al Cepim  per la realizzazione del  bellissimo volume della collana “Mirabilia” intitolato appunto “Exoticis Linguis“.

© Biblioteca Palatina Parma